fb bigfb bigfb big


puls dx pdf corsi partenza

COLLEGAMENTO CON LA CROAZIA DAL PORTO DI PESCARA: SI PUO’ FARE, SI DEVE FARE !

Si è tenuta nella mattinata di oggi lunedì 10 dicembre la conferenza stampa sul tema “Collegamento con la Croazia dal Porto di Pescara: si può fare, si deve fare” alla quale hanno partecipato il Presidente della Confcommercio Pescara, Franco Danelli, il Presidente di Federalberghi Pescara, Emilio Schirato, il Presidente del SIB/Confcommercio Pescara, Riccardo Padovano, e per l’Agenzia Marittima Sanmar che opera nel Porto di Pescara, Marco Santori.

Dopo il saluto del Presidente della Confcommercio Franco Danelli che ha ribadito l’importanza delle infrastrutture, fra cui il Porto, per il rilancio dell’economia del territorio riportiamo in sintesi gli interventi:

Emilio Schirato:

“E’ importante per il comparto alberghiero ripristinare un collegamento con la Croazia. Un collegamento che ha portato presenze turistiche in città soprattutto quando prevedeva la partenza da Pescara al mattino ed il ritorno in città alla sera. D’altronde il turismo business è in calo e quindi occorre puntare sul cosiddetto turismo leasure che attira presenze grazie ad eventi, manifestazioni sportive, e anche al passaggio di turisti che utilizzano il Porto e le altre infrastrutture. Si può partire con un collegamento leggero con un aliscafo passeggeri ma l’ideale sarebbe un collegamento che possa imbarcare anche le auto”

Riccardo Padovano:

“Per superare i motivi ostativi che hanno impedito negli ultimi anni il collegamento con la Croazia occorre ripristinare la profondità dei fondali. Le compagnie sono interessate al collegamento con la Croazia a patto che si utilizzi il Porto di Pescara che ha la Stazione Marittima, il Posto Dogana, i servizi e gli spazi idonei a terra per l’imbarco.

Per recuperare la profondità dei fondali necessaria a consentire l’ancoraggio dei traghetti o degli aliscafi, pari a circa 6 metri, è necessario effettuare senza indugio il dragaggio di almeno 100.000 metri cubi di materiale che consentirebbero di guadagnare i 3 metri di profondità mancanti.

Il materiale derivante dal dragaggio andrebbe stoccato nella vasca di colmata del Porto di Pescara che andrà prima dell’avvio del dragaggio stesso svuotata di parte dei 250.000 metri cubi di arenile che attualmente la riempiono totalmente.

L’arenile proveniente dallo svuotamento sarà utilizzato per interventi di ripascimento sommerso delle zone erose dei comuni costieri che mostreranno di essere interessati al materiale, come già manifestato dal Comune di Francavilla al Mare.”  

Marco Santori:

“Abbiamo bisogno di un collegamento con la Croazia. La SNAV ha mostrato interesse al bando della Regione ma i fondali erano troppo bassi e per ora ha rinunciato. Bisogna recuperare i fondali al più presto e la politica deve stimolare l’Autorità Portuale di Ancona a procedere al dragaggio almeno per ridare operatività commerciale alle banchine. Il materiale di risulta del dragaggio deve essere stoccato nella vasca di colmata del Porto che deve essere svuotata al più presto.”

 

 

Contenuto alternativo flash

Per visualizzare questo Flash hai bisogno del Javascript sul vostro browser e la versione aggiornata del player flash.

Partners