fb bigfb bigfb big


puls dx pdf corsi partenza

NECESSARIO UN PIANO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DELL’AEROPORTO DI PESCARA

Con una nota inviata alla Saga spa, alla Regione Abruzzo, al Comune di Pescara, ed alle Camere di Commercio di Chieti e Pescara, la Confcommercio di Pescara ha evidenziato la necessità di un piano strategico di sviluppo per l’Aeroporto di Pescara.

Il Presidente Ezio Ardizzi:

“Lo sviluppo dell’Aeroporto d’Abruzzo è una delle sfide fondamentali che occorre affrontare per dotare il nostro territorio di infrastrutture capaci di rilanciare e sostenere l’economia locale.

Il recente inserimento dell’Aeroporto di Pescara fra gli scali di interesse nazionale in quanto strategico nel bacino del Centro-Italia non deve far abbassare la guardia ma anzi deve essere la molla per un deciso salto di qualità.

Un primo passo in tal senso deve prevedere l’ingresso nella Saga spa di soggetti privati, anche esteri, che intendano puntare seriamente sul nostro Aeroporto quale hub di riferimento per il mercato italiano.

Un secondo passaggio fondamentale riguarda la necessità di un funzionale collegamento fra assetto politico-gestionale e territorio, visto che che oggi l’aeroporto appare come un qualcosa a se stante, avulso da ogni ramificazione con la popolazione e l’economia abruzzese.

Al riguardo, andrebbe approntato un serio piano strategico, condiviso con le associazioni di categoria, che preveda l’incremento di voli nazionali ed internazionali, una maggiore integrazione fra l’Aeroporto ed il territorio, lo sviluppo dei voli cargo, il ripristino del volo postale e il mantenimento dell’apertura dello scalo h24.

In questa ottica sarebbe fondamentale sottoscrivere accordi di partnership strategica con nuovi vettori affidabili interessati al nostro scalo anche per l’attivazione di tratte che possano fare incoming.

E’ evidente, infatti lo squilibrio fra voli outgoing e incoming e sarebbe quantomai opportuno avviare un tavolo permanente con le associazioni del turismo al fine di individuare assieme quelle destinazioni, ad esempio Berlino, Mosca, Oslo, ma anche voli per le comunità abruzzesi all’estero, che possano portare presenze ed economia nel nostro territorio.

Inoltre andrebbe rafforzata la sinergia con altre infrastrutture fondamentali come il Porto e l’Interporto così come andrebbe attivato uno shuttle bus con la stazione ferroviaria al fine di rendere  semplice il collegamento con tutti i comuni abruzzesi.

Riguardo lo sviluppo dei voli cargo risulta fondamentale il completamento dell’attrezzatura di movimentazione delle merci, la realizzazione di un Cargo Center e l’istituzione di un Posto di Ispezione Frontaliera con relativo Veterinario Frontaliero, oltre ad appositi magazzini per il ricevimento delle merci deperibili.

Non è pensabile che oggi occorra andare ad Ancona per ricevere merci per via aerea; inoltre, la possibilità di ricevere i cargo farebbe confluire parte del notevole traffico merci che gravita su Roma e che ha intasato gli scali della capitale.

E’, infatti, evidente che un aeroporto più forte, che possa recuperare risorse non solo dal traffico passeggeri ma anche dal traffico merci potrebbe ingenerare un ciclo virtuoso capace di trascinare la crescita di tutti i settori dell’economia abruzzese e non solo  del commercio e del turismo.”

 

 

Contenuto alternativo flash

Per visualizzare questo Flash hai bisogno del Javascript sul vostro browser e la versione aggiornata del player flash.

Partners