fb bigfb bigfb big


puls dx pdf corsi partenza

LA CONFCOMMERCIO DI PESCARA CHIEDE INTERVENTI DEFINITIVI PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA MANCANZA DELL’ACQUA GENERATO DALLE CONTINUE ROTTURE NELLE CONDOTTE DELLA ZONA DI FARINDOLA

LA CONFCOMMERCIO DI PESCARA CHIEDE INTERVENTI DEFINITIVI PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA MANCANZA DELL’ACQUA GENERATO DALLE CONTINUE ROTTURE NELLE CONDOTTE DELLA ZONA DI FARINDOLA

Il Presidente Ezio Ardizzi:

“Abbiamo inviato una nota all’ACA ed a tutti i sindaci dei comuni coinvolti per evidenziare i cospicui danni economici subiti da molte aziende associate a causa delle mancanza di acqua dovuta alla rottura delle condotte nella zona di Farindola.

Siamo di fronte ad un evento che ha comportato grandi disagi a circa 35.000 persone e che ha messo in ginocchio le suddette aziende, in particolare strutture ricettive, bar e ristoranti, impossibilitate a svolgere la loro attività.

Quello che sorprende maggiormente è che le rotture nelle condotte adduttrici del Tavo nella zona di Farindola si susseguono a catena causando continui rinvii nell’erogazione dell’acqua evidenziando un problema che non è circoscritto ma esteso ad un intero impianto ormai obsoleto.

Ci chiediamo, chi pagherà i danni subiti dalle aziende?

Se l’agricoltura può chiedere lo stato di calamità per i danni del maltempo, perché le aziende turistiche che operano nei comuni coinvolti non possono fare richiesta di risarcimento per quanto subito a causa delle rotture di condotte non manutentate a dovere.

Poiché prevenire è meglio che curare ci chiediamo perché condotte così vecchie non siano state prima oggetto di sostituzione e chiediamo che l’ACA ed i Sindaci dei comuni interessati si attivino da subito per trovare una soluzione definitiva ad un problema che non dovrà più ripetersi in futuro.

Non spetta a noi individuare la strada da seguire ma siamo certi che sia possibile accedere a fondi, magari europei, per sostituire definitivamente un impianto idrico quasi centenario.

Basta avere la volontà di muoversi e il nostro intervento vuole essere soprattutto uno stimolo a darsi da fare veramente, a non inseguire rattoppi improvvisati o soluzioni tampone, ad avviare con il massimo impegno un’azione coordinata e condivisa per una soluzione definitiva e duratura.”

 

 

Contenuto alternativo flash

Per visualizzare questo Flash hai bisogno del Javascript sul vostro browser e la versione aggiornata del player flash.

Partners