fb bigfb bigfb big


puls dx pdf corsi partenza

LA CONFCOMMERCIO PESCARA TORNA A CHIEDERE UN UNICO ENTE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

LA CONFCOMMERCIO DI PESCARA TORNA A CHIEDERE UN UNICO ENTE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI PESCARA:

“OCCORRE RAZIONALIZZARE IL SISTEMA RIFIUTI E RECUPERARE PREZIOSE RISORSE DA UTILIZZARE A FAVORE DELLA COLLETTIVITA’. E’ INCREDIBILE CHE ESISTANO CINQUE SOCIETA’ CON ALTRETTANTI CONSIGLI DI AMMINISTRAZIONE E ALTRETTANTI PRESIDENTI PER GESTIRE I RIFIUTI NELLA NOSTRA PROVINCIA”

Il Presidente Ezio Ardizzi:

“Non ci arrendiamo e torniamo a chiedere un unico Ente per la gestione dei rifiuti nella nostra provincia. E’ illogico ed ingiustificabile che in tempi di spending review esistano ben cinque società diverse deputate a gestire i rifiuti nella provincia di Pescara!!!

Si tratta tra l’altro di cinque società a maggioranza di capitale pubblico che mantengono cinque Consigli di Amministrazione e altrettanti Presidenti con notevoli costi che gravano sul bilancio pubblico drenando preziose risorse che potrebbero essere utilizzate per interventi a favore della collettività.

Nello specifico si tratta delle seguenti società: Ambiente spa, Attiva spa, Tra.de.co. srl, Linda spa ed Ecologica srl, che operano ognuna separatamente per ristretti ambiti territoriali.

E’ di tutta evidenza che l’istituzione di un’unica governance provinciale dei rifiuti in grado di gestire la raccolta sull’intera provincia arrecherebbe notevoli risparrmi in termini di costi e maggiore efficienza e razionalizzazione del servizio.

Le risorse così recuperate porterebbero vantaggio alla collettività in quanto l’abbassamento del costo complessivo del servizio di raccolta avrebbe come diretta conseguenza una notevole riduzione della TARI, la gravosa tassa sui rifiuti che in questi giorni sta pesando non poco sui bilanci di famiglie ed imprese.”

 

 

Contenuto alternativo flash

Per visualizzare questo Flash hai bisogno del Javascript sul vostro browser e la versione aggiornata del player flash.

Partners