fb bigfb bigfb big


puls dx pdf corsi partenza

LA CONFCOMMERCIO DI PESCARA CHIEDE AL COMUNE DI PESCARA DI ATTIVARSI IMMEDIATAMENTE PER AIUTARE CONCRETAMENTE LE FAMIGLIE E LE ATTIVITA’ ECONOMICHE CHE HANNO RIPORTATO GRAVI DANNI A CAUSA DEL MALTEMPO DEI GIORNI SCORSI

“SUBITO L’ESONERO DAL PAGAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI ED IL RECUPERO DI RISORSE DALLA SOSPENSIONE DI OPERE PUBBLICHE SUPERFLUE”

            La Confcommercio di Pescara interviene per chiedere al Comune di Pescara di attivarsi immediatamente per aiutare concretamente le famiglie e le attività economiche che hanno riportato gravi danni a causa del maltempo dei giorni scorsi.

Il Presidente della Confcommercio di Pescara, Ezio Ardizzi:

“Siamo soddisfatti che la Regione Abruzzo abbia chiesto lo stato di calamità naturale per i fatti dei giorni scorsi ma si tratta di un atto dovuto che apporterà risorse insufficenti a risolvere tutte le problematiche emerse e soprattutto non a breve.

Ecco perché chiediamo al Comune di Pescara interventi immediati e concreti a sostegno delle famiglie e delle attività messe in ginocchio dalla spaventosa ondata di maltempo dei giorni scorsi.

In particolare chiediamo l’esonero dal pagamento dei tributi locali, a partire dalla Tares, ed il recupero di risorse che potrebbero scaturire dalla sospensione di opere pubbliche che, a maggior ragione in questa drammatica fase, appaiono superflue.

Di fronte all’ennesimo dramma cittadino con interi quartieri letteralmente sommersi e con attività commerciali e case invase da fiumi di acqua e fango, ci chiediamo se le tante risorse che l’Amministrazione ha destinato a presunti abbellimenti di facciata potevano essere meglio spese per interventi strutturali su fogne e collettori.

Inoltre si impone anche una riflessione sul Fiume Pescara: probabilmente senza il recente dragaggio, seppur parziale, la situazione sarebbe stata ancor più drammatica, ma non basta; per fare un passo definitivo verso la messa in sicurezza del fiume occorre l’approvazione urgente del Piano Regolatore Portuale al fine di consentire lo sbocco delle acque oltre la diga foranea.

I fatti dei giorni scorsi devono servire alla politica locale come monito per le scelte future: basta con la politica dei rondò e delle dune, occorre riportare al centro della discussione gli interventi per le infrastrutture fondamentali per la messa in sicurezza della città e per un reale sviluppo economico del territorio.”

 

 

Contenuto alternativo flash

Per visualizzare questo Flash hai bisogno del Javascript sul vostro browser e la versione aggiornata del player flash.

Partners